Leggendo questo post sul blog di Tagliaerbe, ho visto questa immagine (qui sopra) davvero interessante e molto esplicativa: le ‘zone calde’, di colore rosso, sono quelle che ricevono il maggior numero di click.

Quest’immagine spiega come i siti più cliccati sono quelli che compaiono nella parte sinistra (ed ovviamente ai primi posti) piuttosto che i collegamenti sponsorizzati di AdWords sulla destra.

Come dice il titolo del post: SEO vs PPC, è meglio investire il proprio tempo (o denaro) nella ottimizzazione e nel posizionamento del proprio sito piuttosto che affidarsi semplicemente al servizio a pagamento di Google: il numero dei visitatori è considerevolmente maggiore.

Oggi voglio aprire una discussione con voi lettori su quali siano i metodi per aumentare i guadagni con AdSense di Google. Attendo quindi i vostri commenti, ed in particolare da quei webmaster che hanno effettuato dei test per aumentare i loro ricavi.

Ecco alcuni test che si possono fare:

– Attraverso i criteri per l’annuncio valutare se è meglio utilizzare colori omogenei al resto della pagina oppure colori piu vivaci o comunque che si discostano dalla pagina (il pro è che sono più visibili, il contro è che si capisce chiaramente che quello è uno spazio pubblicitario).

– Quali sono i formati che rendono di più? E in quale posizione è preferibile metterli? (Luca ci suggerisce di metterli vicino le immagini. Ma senza esagerare, aggiungo io, guardate questo post del blog ufficiale di AdSense)

– Cercare di capire, magari utilizzando AdWords, quali sono le parole in questo momento più pagate e fare delle pagine con tali contenuti piuttosto che altri.

– Infine, rendono di più gli annunci di testo e illustrati, di solo testo o gli insiemi di link?

Per le risposte a questi test o per suggerirne altri non esitate a postare i vostri commenti 😉


Vi dico subito che non è il mio caso! Magari…! Ma mi domandavo se esistesse un blogger così letto da poter ricevere una proposta del genere: in cambio del link sul tuo blog ti regalo una macchina!
Io so che il mercato dei links è condannato e combattuto da Google con tutti i mezzi, ma so anche che i webmaster con un sito che possiede un pagerank elevato possono chiedere delle cifre significative alle aziende che vogliono farsi pubblicità. E’ anche vero che guardare il solo pagerank non basta (a patto che uno non voglia link esterni per posizionare il proprio sito), ma è anche importante il numero delle visite giornaliere di un blog o di un sito web. E la pubblicità può essere fatta non solo sotto forma di link (in questo caso fate attenzione al ‘nofollow’) ma anche di banner o di animazione in flash più o meno invasiva e fastidiosa.

Io mi rendo conto che ho un blog ancora molto piccolo per cui pretendere in cambio di un link un’auto di lusso è come chiedere la luna, e lo faccio solo gratuitamente per gli amici, ma sarei interessato di conoscere uno o più casi in cui ad un webmaster sono state fatte delle proposte bizzarre in cambio di un link o di uno spazio pubblicitario.